Non sto ridendo”, infatti stavo piangendo. “E per favore, non prendermi in giro, ma non riesco a farmene una ragione, perché credevo davvero che David fosse la mia anima gemella.”
“Probabilmente lo era. Il problema é che tu non sai cosa significhi. La gente crede che l’anima gemella sia come un vestito che ci sta alla perfezione, e tutti la cercano per questo. E invece é uno specchio che ti mostra tutti i tuoi limiti, e attira la tua attenzione su di te, facendoti capire che é il momento di cambiare la tua vita. Una vera anima gemella é forse la persona più importante che tu possa incontrare, perché demolisce i muri che ti circondano e ti sveglia di colpo. Ma non puoi pensare di vivere per sempre con lei. Per carità! Troppo doloroso. Le anime gemelle arrivano nelle nostre vite proprio per farci scoprire un’altra parte di noi stessi, un altro strato, e poi se ne vanno. Grazie a Dio, se ne vanno. Tu dici, non riesco a lasciarlo andare. Ma é finita, ragazza. La funzione di David era quella di darti una scossa, di guidarti fuori da un matrimonio del quale volevi liberarti; David doveva dare un piccolo strappo al tuo ego, mostrarti gli ostacoli e le dipendenze, doveva aprire di colpo il tuo cuore, perché potesse entrare una nuova luce, doveva farti disperare e perdere il controllo, tanto da costringerti a trasformare la tua vita, presentarti al tuo maestro spirituale, e farcela. Questo era il suo compito, e lo ha fatto benissimo, ma adesso basta. Tu non riesci ad accettare che fosse una relazione a breve scadenza. Sei come un cane che fruga in una discarica: stai leccando un barattolo vuoto per sfamarti. Ma se non stai attenta, quel barattolo ti resterà attaccato al muso per sempre, e renderà la tua vita un tormento. Lascialo perdere.”
“Ma io lo amo.”
“E allora amalo.”
“E mi manca.”
“E allora che ti manchi. Mandagli amore e luce ogni volta che pensi a lui, e poi lascialo andare. Hai paura di mollare gli ultimi pezzi di David, perché allora sarai veramente sola, e Liz Gilbert ha paura di quello che accadrà se sarà veramente sola. Ma devi capire questo: se sgomberi lo spazio mentale che stai dedicando al pensiero ossessivo di quest’uomo, otterrai un vuoto – una possibile apertura. E indovina che cosa farà l’universo quando troverà quell’apertura? Ci si precipiterà dentro – Dio si precipiterà dentro e ti riempirà di più amore di quanto avresti mai potuto sognare. Smetti di usare David per bloccare quella porta. Dimenticalo.”
“Ma vorrei che io e David potessimo…”
Mi interrompe. “Lo vedi il problema? Tu vuoi troppo. Smetti di avere l’ossicino dei desideri al posto della spina dorsale.”
Ecco la mia prima risata di oggi.
Poi domando a Richard: “Allora, quanto tempo ci vorrà perché il dolore passi?”
“Vuoi una data?”
“Sì.”
“Vuoi fare un cerchietto sul calendario?”
“Sì.”
“Ti dico una cosa, tesoro: tu soffri seriamente di un’ansia di controllo.
― Mangia, prega, ama (via piantierimpianti)